fbpx

Il running: il boost mentale del 2021

Da quando corro ho sempre visto il running come lo specchio della vita.

Percorrere km usando il nostro corpo, le nostre forze, la nostra testa, la nostra volontà per portarci da un punto ad un altro, equivale a portare noi stessi alla meta intesa come grande obiettivo.

Ho sempre corso senza pensare alla corsa fine a se stessa.

Io visualizzo la fatica che faccio come prova di forza e resistenza alle sfide della vita e agli obbiettivi di lavoro.

Vado forte e spingo perché credo che se riuscirò a raggiungere il tempo prefissato in corsa, riuscirò anche a bucare obiettivi ben più grandi.

Nel post lockdown 2020, la corsa è stata scelta come sport da un vasto, vastissimo numero di persone: si poteva fare solo quello.

Sapete qual è il bello?

Molti se ne sono innamorati e in poco tempo sono passati da neofiti o quelli del 6.40” come passo, a quelli che “Oh sto per scendere sotto i 5’!”.

Beh come hanno fatto? – vi chiederete.

Hanno iniziato ad allenare la velocità ad esempio.

Come alleano la velocità?

A molte mie clienti è bastato inserire allenamenti di tipo muscolare, altre più ambiziose hanno voluto allenamenti mirati ad aumentare la velocità.

Un esempio?

Beh il più efficace consiste nell’inserire in almeno un running a settimana le VARIAZIONI DI VELOCITÀ.

Nel dettaglio, in un running di 8 km, corro i primi 3-4 km ad una velocità medio bassa, una sorta di lungo riscaldamento, dopo di che inizio ad inserire 1’ alla mia massima velocità (io personalmente scendo sotto i 4’ abbondantemente) e 1’ di recupero in corsa lenta.

Vedrete che chiuderete gli 8 in un tempo inaspettato pur partendo lentamente, e anche il minuto di recupero diventerà sempre più frizzante!

Un altro boost che possiamo inserire, anzi sul quale, al giorno d’oggi, dobbiamo puntare grazie alle nuove tecnologie e studi, sono le scarpe.

Con le scarpe sbagliate non si va da nessuna parte.

Per la cronaca ho appena provato le adidas ULTRABOOST 21.

Come promettono, sono in grado di trasmettere l’energia necessaria (nello specifico il 6% di BOOST in più rispetto al modello precedente) migliorarsi running dopo running.

Non è una cosa da sottovalutare perché quando la performance è scarsa, un runner va in down, e ha il 25% di possibilità di peggiorare gradualmente la prestazione causa demotivazione.

Spesso, cambiare scarpe ci permette non solo di migliorare la tecnica della corsa e aumentare la consapevolezza nell’uso del nostro corpo e quindi la sua la gestione appunto in corsa, ma ci da una spinta mentale.

Queste scarpe riescono a dare spinta e indossate, riescono a sembrare molto più leggere rispetto a quando le teniamo in mano, caratteristica che ha 2 pro:

  1. è dimostrazione di una tecnologia davvero avveniristica;
  2. rende le scarpe ottime per chi, come me, ha problemi al ginocchio quindi cerca stabilità in una scarpa e allo stesso tempo velocità, scatto.

Sono morbide e allo stesso tempo ci permettono di avere un contatto diretto pianta – terreno.

Sono flessibili, ma non al punto di avvertire dolori o fastidio sotto la pianta del piede.

Infatti l’azienda adidas dichiara di aver aumentato, rispetto al modello precedente, la rigidità di flessione nell’avampiede proprio per il motivo che ho citato al punto precedente, ossia dare maggior contatto col terreno, quindi aumentare controllo e di conseguenza POTENZA DI SPINTA.

adidas, come me ha come mission di “cambiare la vita delle persone tramite lo sport” per questo come prima scarpa del 2021, ho deciso di presentare ULTRABOOST 21.

Mettiamoci alla prova!

4 pensieri riguardo “Il running: il boost mentale del 2021

  • 20 Febbraio 2021 in 13:57
    Permalink

    Ma è un adv?

  • 20 Febbraio 2021 in 13:57
    Permalink

    Ma è un adv per Adidas?

  • 23 Febbraio 2021 in 13:28
    Permalink

    Ah! Cosa si fa per un paio di scarpe in omaggio al giorno d’oggi…

  • 23 Febbraio 2021 in 13:29
    Permalink

    Credi io abbia bisogno di scarpe gratis? 😂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.