fbpx

La stitichezza è femmina!

Alzi la mano chi soffre di stitichezza?
Non parliamo poi dell’aumento del disagio nel periodo premestruale…!

Ma quali sono le cause che possono portare a stitichezza?

Esistono diverse cause:

  • stress;
  • sbalzi ormonali;
  • diaframma bloccato (leggi anche “Pancia e gambe gonfie: calmati e respira, è stress!);
  • scarso tono e controllo del pavimento; pelvico e dell’addominale trasverso
  • poca attività fisica;
  • alimentazione carente in fibre;
  • paradossalmente anche alimentazione con eccesso di fibre.

Quindi come mi comporto?

  1. La primissima cosa da fare è ritrovare calma e serenità, cercando di allontanate il più possibile lo stress che crea innumerevoli problemi e blocchi e purtroppo non solo intestinali. Dobbiamo cercare, nel limite delle nostre possibilità di avere una vita regolare: pasti regolari in orari regolari, idem per ritmo sonno/veglia.
  2. Se siamo nella fase premestruale, aumentiamo l’apporto di omega 3 (salmone, sgombro, mandorle, noci…) che aiuta a controllare lo sbalzo ormonale.
  3. Controllare la respirazione: dobbiamo fare in modo che sia sempre corretta e scorrevole. Non veloce e corta. Quando siamo sul water concentriamoci e proviamo a fare le respirazioni addominali (prendo aria dal naso e gonfio la pancia come un pallone, faccio uscire l’aria dalla bocca svuotando e strizzando tutta la pancia).
  4. Cercare di recuperare o aumentare il controllo della parete addominale più profonda (sempre con le nostre amiche respirazioni) e del pavimento pelvico ad esempio esercitandoci ogni tanto a contrarre tutto (come se dovessimo trattenere a tutti i costi pipì e cacca insieme, e lasciando)
  5. Fare attività fisica in modo continuativo nel tempo e facendo in modo che sia il più regolare possibile. Sforziamoci di alzarci spesso dalla sedia, di parcheggiare lontano…insomma teniamoci mosse.
  6. Cerchiamo di avere una dieta con il giusto apporto di fibre: sia di quelle solubili (provenienti da frutta e verdura) che, come un vigile, rallentano lo svuotamento dello stomaco per permettere un transito nell’intestino del cibo più scorrevole e senza intoppi. Che di quelle non solubili (crusca e derivati integrali) che richiamando molta acqua nell’intestino, aiutano il passaggio e l’uscita delle feci. ATTENZIONE PERO’! Un eccessivo apporto di fibre, può intasare e infiammare l’intestino, quindi non esageriamo con farine e cereali integrali per esempio.
Quindi, riassumendo: stiamo serene, beviamo acqua naturale, facciamo attività, mangiamo frutta e verdura, limitiamo pane e pasta integrale, respiriamo nel modo corretto e cerchiamo di avere vita e orari regolari.

Vi lascio con 2 trucchetti:

  • ogni tanto sgranocchiate il gambo interno dell’ananas, è pura fibra e, da stitica, vi assicuro che funziona.
  • la sera mangiate verdura cotta e prima di andare a letto bevete molto. Vi alzerete a fare pipì durante le notte, ma vi assicuro che la mattina vi libererete!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.